Prestiti d’onore per cattivi pagatori

I prestiti d’onore sono dei finanziamenti molto vantaggiosi per il richiedente, che vengono elargiti con lo scopo di incentivare la crescita economica di settori o aree geografiche finanziariamente carenti. In Italia è lo Stato a istituire tali fondi, con il supporto dell’agenzia Invitalia. Essendo delle soluzioni pensate per aiutare i soggetti in difficoltà o restrizioni economiche, tali somme di denaro sono abbordabili anche per coloro che hanno subito protesti o segnalazioni al registri Crif (ovvero i cosiddetti protestati e i cattivi pagatori). Nonostante la prerogativa di inclusione propria di questi prestiti, esistono delle limitazioni e dei requisiti che bisogna soddisfare per potervi accedere.

I prestiti d’onore gestiti da Invitalia sono rivolti a quelle categorie di persone professionalmente sventurate, o che hanno avuto a che fare con problemi di natura economica. Sono destinati per esempio a sostenere la creazione di nuove imprese e start up, oppure per aziende innovative, al fine di promuovere l’autoimpiego. Per esempio possono accedervi molto facilmente i giovani under 35, le donne, e i residenti delle regioni del sud Italia (tra cui: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia).

Come già detto è possibile richiedere tale prestito anche in caso di protesti e segnalazioni Crif. È però necessario che il richiedente soddisfi altri requisiti, come:

      La residenza italiana (per gli stranieri da almeno 6 mesi), e in particolare in una delle regioni sopra citate;

      L’età, che in base al bando in particolare deve rientrare entro determinati limiti;

      Lo stato di disoccupazione del richiedente, oppure la sua buona disposizione a lasciare l’impego attuale qualora il bando dovesse andare a buon fine, per perseguire i propositi del finanziamento;

      La sede legale o amministrativa dell’azienda deve essere ubicata nell’area di riferimento;

      La presentazione di un business plan dettagliato, dove sarà illustrato come si intende impiegare il denaro ricevuto in prestito.

Per inviare la domanda è necessario recarsi sul sito di Invitalia, e compilare la modulistica che vi si può scaricare. Per ricevere invece ulteriori informazioni sui prestiti d’onore elargiti anche a coloro che sono protestati e cattivi pagatori è possibile consultare il sito internet specifico https://guidaprestitiprotestati.it.